Il sogno americano: la Route 66

Behind us lay the whole of America and everything Dean and I had previously known about life, and life on the road. We had finally found the magic land at the end of the road and we never dreamed the extent of the magic.” (Jack Kerouac – On the road)

Un aspirante scrittore newyorchese e un inquieto giovane, accomunati dal desiderio di fuggire dalle rigide regole della società, girovagano per gli Stati Uniti su mezzi di fortuna. Un viaggio verso il nulla, dove ciò che importa non è arrivare, ma andare, muoversi nella speranza di fuggire dal mal de vivre.

Ho introdotto questo articolo sulla Route 66 parlando dell’opera di Kerouac, il cui viaggio è ambientato in queste terre. La Route non è solo una strada nell’immaginario americano. E’ una fuga verso ovest, verso la libertà, per sfuggire alla Grande Depressione del Mid-West.

La United States Route 66 o Route 66 è una delle prime Highway federali. Fu aperta l’11 novembre 1926. Attraversa tre fusi orari e otto stati,  Illinois, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, New Mexico, Arizona e California, fino alla spiaggia di Santa Monica (Los Angeles), coprendo una distanza di 3.755  Route 66km (2.448 miglia). E’ l’unico caso al mondo di una strada diventata Parco Nazionale. Dopo la sua apertura molte città si arricchirono notevolmente. Le attrazioni turistiche lungo il percorso, come il famoso cratere meteoritico in Arizona, hanno dato un forte impulso alla crescita commerciale di quelle zone (motel a forma di capanna indiana, negozi a forma di budino, negozi che vendono cianfrusaglie pellirosse). Ed è proprio su questa strada che è nata l’industria del fast-food con Red Giant Hamburgs a Springfield (Missouri), il primo drive-in, e il primo McDonald’s a San Bernardino. Nel 1985 venne ufficialmente rimossa dal sistema delle highway e rimpiazzata dallo Interstate Highway System che corre lontano dai centri urbani. Oggi, la Route 66 esiste con il nome di Historic Route 66 e lungo il suo percorso è ancora possibile percepire quel sapore di passato, che la modernità ha cercato di cancellare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *