L’arcipelago meridionale di Göteborg, dove il tempo si è fermato

Affiancare la visita di una città allo scoprire le meraviglie della natura nei suoi dintorni, è quella che definirei la mia vacanza perfetta. Ecco che questo Natale 2013 ha visto come meta la Svezia e le sue bellezze del sud. Dopo la visita all’eclettica Stoccolma, mi sono spostata sulla costa occidentale per visitare la città portuale di Göteborg. E’ proprio questa città il punto di partenza per due rilassanti escursioni in giornata: l’arcipelago meridionale (Södra Skärgården) e la costa del Bohuslän.

Inizierò raccontandovi dell’arcipelago meridionale dove la vita scorre lenta priva di mezzi di trasporto a motore. Si parte di fronte all’ingresso del centro commerciale Nordstan, alla fermata dei tram Brunnsparken. In circa una mezz’oretta con il tram 11 raggiungo il porto di Saltsholmen da cui partono i traghetti passeggeri che collegano le isolette a Göteborg. I 24 SEK del biglietto del tram acquistabile a bordo dalle macchinette automatiche (contanti e carta di credito) mi basteranno per 90 minuti, primo viaggio in traghetto incluso.

Il Södra Skärgården da Settembre a Maggio ha 4.500 residenti, molti dei quali fanno la spola tra qui a Göteborg. In estate invece la popolazione è raddoppiata e il numero dei turisti aumenta notevolmente. Come accennavo sopra, le auto sono vietate e gli unici mezzi di trasporto sono le biciclette, le macchine elettriche e le carriole, oltre che, ovviamente, i traghetti. E’ composto da 9 isole principali e numerose minori in cui villaggi di pescatori, scogliere, parchi naturali e spiagge la fanno da padroni. In dicembre, con così poche ore di luce, sono riuscita a visitarne solo due, Köpstadsö e Styrsö.

Carriole parcheggiate al molo di Köpstadsö.

Carriole parcheggiate al molo di Köpstadsö. L’unico mezzo di trasporto sull’isola.

Köpstadsö (o Kösso)

E’ una piccola isola, a circa 15 minuti da Saltholmen, con viuzze strette e l’unico mezzo di trasporto consentito sono le carriole. Ho scelta questo gioiellino come prima tappa, incuriosita proprio da questa particolarità. Al molo si vedono parcheggiate decine e decine di carriole che servono ai pendolari per il trasporto di valigie, delle borse della spesa etc. La cosa carina è che ognuna di queste riporta il nome del proprio padrone e perchè no, gli auguri di Natale. Il pittoresco e colorato villaggio di 100 anime è molto piccolo e si raggiunge superando un sentiero tra le rocce.

Le viuzze strette del piccolo villaggio di Köpstadsö.

Le viuzze strette del piccolo villaggio di Köpstadsö.

Il silenzio è rigenerante, l’unico rumore è lo sbuffo del vento che non mi ha mai dato tregua. Di sicuro non mi sarei mai aspettata un campo da calcetto, un parco giochi, in uno spazio così limitato e invece c’è anche questo. Sparsi per l’isoletta sono affisse mappe che indicano i punti di interesse e li piccole spiagge su cui rilassarsi e fare il bagno durante la stagione estiva.

La tranquillità di Köpstadsö.

La tranquillità di Köpstadsö.

Styrsö

Si trova nella parte centrale dell’arcipelago ed è composto da due centri abitati, entrambi serviti dai traghetti, Bratten e Tången. Conta circa 1400 abitanti e dispone di bar, ristoranti, hotel e un supermercato. Il traghetto mi lascia a Bratten dove con delusione trovo tutto chiuso. Mi incammino verso l’altro villaggio di pescatori situato a nord, Tången e che dista soli 2km. Ecco che qui fanno la loro comparsa le macchine elettriche, quelle usate nei campi da golf.

La chiesetta nei pressi di Tången.

La chiesetta nei pressi di Tången.

Il villaggio sembra un piccolo quadretto che si affaccia su un’insenatura con le sue casette rosse. Per fortuna il Café Båtebacken è aperto e mi delizia con patate bollite servite con il tipico skagen sopra. Da qui la passeggiata Styrsö Valenväg porta oltre la scogliera fino all’area balneare di Sandvik da cui ho ammirato un fantastico tramonto. A sud di Bratten, invece si trova l’abitato di Skäret da cui parte il ponte che la collega alla vicina isola di Donsö, un’altra importante comunità di pescatori.

Il molo di Tången.

Il molo di Tången.

Per avere maggiori informazioni sugli orari dei traghetti e dei mezzi di trasporto pubblico nella regione di Göteborg, visitate il sito vasstrafik.se o scaricate la relativa app per smartphone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *