Una domenica in bicicletta: Pizzighettone e Parco Adda Sud

Complici le temperature piacevoli e l’avvicinarsi dell’estate, è ora di togliere le ragnatele dai nostri “mezzi a due ruote” e riprendere le attività all’aria aperta. La zona di cui vi voglio raccontare si trova in Val Padana, in provincia di Cremona. Sto parlando di Pizzighettone, un borgo di circa 7.000 abitanti che si estende lungo il fiume Adda che lo separa in due parti: il centro abitato principale a Est e la borgata di Gera a Ovest.

[scrollGallery id=7 start=0 autoScroll=false thumbsdown=true]

Stemma di Pizzighettone

Stemma di Pizzighettone

In epoca romana il paese si chiamava Acerrae e era un importante snodo per i trasporti. Dopo essere stato distrutto, l’attuale Pizzighettone venne fondato nel XII dal Comune di Cremona. Piceleo, nome datogli durante la dominazione degli Sforza, ha da sempre avuto una forte connotazione militare. La solida cinta muraria, tutt’ora ben conservata, è stata rinforzata più volte nel corso dei secoli da Francesi, Spagnoli e Austriaci. Durante il periodo estivo richiama gruppi turisti interessati alla storia della sua cinta muraria o amanti delle attività outdoor per un giro nel Parco dell’Adda Sud.

 

 

Ecco un percorso consigliato in bicicletta, di circa 2 ore:

  • Di fronte alla Torre, appena prima del ponte, girate a sinistra superando il parco e l’Arco delle mura e visitare la cascata. Rientrate al punto di partenza.
  • Superate il ponte e svoltare a destra per fare una passeggiata lungo il fiume sulla strada sterrata, che si trova più in basso rispetto alla principale asfaltata. Proseguite per Camairago superando la Tenuta il Boscone.
  • Giunti nell’abitato di Camairago svoltate a sinistra, sul percorso pedonale che vi porterà nel paesino di Maleo.
  • Da Maleo seguite le indicazioni per l’altro tratto di pista ciclabile che vi farà rientrare a Pizzighettone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *