Tips per viaggiare lowcost

Viaggiare è il sogno di molti, ma sembra che i soldi siano il principale ostacolo alla sua realizzazione. In realtà credo che il problema alla radice sia il tempo. Sì, ormai tutti presi dal lavoro bramiamo alle vacanze come il momento dell’assoluto relax e vogliamo tutto ciò senza fare il minimo sforzo. Scarsità di tempo e risparmio di denaro non vanno d’accordo. Ovviamente per trovare un viaggio low cost è necessario cercare e cercare sui molteplici siti che la rete ormai ci offre e quindi dedicarci ore e ore. Purtroppo la maggior parte delle persone non vuole “perdere tempo” in queste ricerche e si affida totalmente alle agenzie viaggio. Non ho assolutamente nulla contro le agenzie in carne e ossa, ma molto spesso, tralasciando la questione commissioni, consigliano strutture con cui hanno già collaborato senza badare molto al rapporto qualità/prezzo. Il cliente finale si trova così davanti a un preventivo non così low e spesso si vede costretto a ridurre i giorni della vacanza o a limitarsi a una sola vera vacanza all’anno.
Provate a dedicare un po’ di tempo a “smanettare” e vedrete che potrete portare a casa quello che desiderate in versione low. Di seguito trovate un decalogo per viaggi all’insegna del lowcost.

1) Prenotare IN ANTICIPO? Dipende. Per i voli, non è sempre vero che una prenotazione fatta mesi in anticipo garantisca la tariffa al prezzo migliore. Con questo non voglio dire aspettate l’ultimo minuto. Intendo solo che una buona dose di rischio non guasta mai. Le compagnie aeree ogni tot mesi buttano fuori promozioni, magari anche solo 2 o 3 mesi prima della data di partenza prescelta. Inoltre non è da escludere che sotto data qualche posto venga liberato per una prenotazione cancellata. Per quanto riguarda gli hotel può essere invece utile perchè aumenta la scelta degli alloggi disponibili sfruttando la politica di cancellazione che consente di cancellare una prenotazione fino a pochi giorni prima del check in. Attenzione però alle offerte con pagamento anticipato (non rimborsabile) che ovviamente non vi restituiranno nulla in caso di cancellazione.

2) Avere PAZIENZA. Non bisogna assolutamente avere la pretesa di trovare la soluzione migliore dopo 5 minuti di ricerca. La botta di fortuna è un regalo per pochi, mentre il miglior deal si nasconde dietro una lunga caccia al tesoro, che può protrarsi per giorni.

3) Consultare le VERSIONI INTERNAZIONALI dei siti. La ricerca più comoda che possiamo fare è cercare il sito di flight search engine nella nostra lingua nativa, anche perchè Google ovviamente ce li mette tra i top results. E’ sufficiente però scorrere la pagina e vedere in basso le versioni internazionali. Una lingua straniera ormai non ci deve più far paura grazie al browser Chrome e al suo Google Translator integrato. Vi spiego subito la ragione di questa fatica: innanzitutto i calendari delle festività sono diverse. Intendo dire, se vogliamo partire il 24 aprile (giorno prefestivo) al 90% troveremo prezzi alle stelle cercando su un sito italiano. Se utilizziamo invece la versione “straniera”, esiste una non così remota possibilità di scovare un prezzo più basso dato che si tratta di una festività solo italiana. Un’altra ragione può essere il cambio monetario favorevole del paese di riferimento di quel sito.
 
4) Il tuo viaggio prevede uno stopover? Cerca le TRATTE SEPARATE. Se sai che il tuo viaggio fa per forza scalo da qualche parte, prova a cercare le due tratte separatamente, ovvero a) ITALY-XXX e b) XXX-YYY. Sicuramente questo trucchetto è utile se è prevista una tappa in qualche snodo importante come Londra, Parigi, Madrid raggiungibili dal nostro paese con una compagnia lowcost. Potrebbe rivelarsi vantaggioso anche in caso di città secondarie, quindi è sempre meglio provare anche questa strada.

5) Non affaticarti a cercare un volo per tornare nella prima città in cui sei atterrato. Valuta l’opzione MULTI-CITY (multitratta). Se ad esempio vai in California con prima meta Los Angeles e come ultima S.Francisco, puoi cercare direttamente un’a/r su queste  due città, senza prenotare un volo interno o senza cercare le due tratte separatamente (ricorda di verificare se vicino a “andata”, “andata e ritorno”, trovi questa voce; non tutti i siti offrono questa possibilità).  


6) SI ai motori di ricerca di voli, ma occhio alle AGENZIE ONLINE. I motori di ricerca sono sicuramente utilissimi e fondamentali ma bisogna stare sull’attenti e non farsi incantare dagli specchietti per le allodole. Spesso tra i primissimi risultati compaiono prezzi molto allettanti proposti da siti di agenzie. Tuttavia a questo prezzo andranno aggiunte almeno due fee aggiuntive:  una per spese di commissione per ogni tratta (in totale si può arrivare a 25 euro) e una per l’eventuale carta di credito/debito (anche 10 euro o più). Ovviamente vedendo un tale prezzaccio si è subito portati al click, ma solo dopo aver compilato tutti i dati dei passeggeri, di fatturazione e di pagamento, si vedrà il reale prezzo finale, decisamente AUMENTATO. Consiglio quindi, di provare a inserire tutti i dati richiesti (anche fittizi) per vedere qual è il prezzo finale. Non preoccupatevi, perchè finchè non digiterete i dati relativi alla carta di credito, la prenotazione non sarà effettuata. Vale comunque la pena tentare, perchè a volte può risultare comunque il prezzo più basso.. MA ricordatevi che non è un prezzo chiavi in mano 😉
7) Consultare siti ad hoc per il recupero di COUPON. Ormai questa parola è il leit motive del web 2.0+ e la ritroviamo anche in questo ambito. Le compagnie aeree e i vari siti di travelling, spesso emettono questi codici sconto/voucher utilizzabili online per risparmiare qualche soldino in più. Non sono sempre facilmente scovabili e perciò ci tengo a ringraziare tutte quelle persone che ci perdono le notti nel ricercarli e poi li mettono a disposizione di noi vagabondi. 
 
8) Non snobbare i siti ufficiali delle compagnie aeree/hotel. Non date per scontato che il sito della compagnia aerea abbia prezzi più elevati delle agenzie online. Per quanto riguarda le compagnie aeree, alcune emettono e-coupon (di cui ho appena parlato) che possono consentire un risparmio anche di alcune di decine di euro. Lo stesso vale per la ricerca di hotel, che non deve essere limitata ai soli siti di comparazione.
 
9) FLESSIBILITA’ di date/orari (per i voli). Di solito partiamo nel week end causa lavoro, ma se solo fosse possibile partire a metà settimana, sicuramente si risparmierebbe, proprio perchè non sono giorni di punta. Lo stesso per quanto riguarda gli orari, come ad esempio i rientri al mattino presto sono un ottimo affare. Ormai la maggior parte dei motori di ricerca consente una personalizzazione della ricerca per orari/aeroporti. 
 
10) Controllare le OFFERTE il martedì/mercoledì. E’ importante darsi un periodo di tempo in cui tenere sotto controllo l’andamento dei prezzi e una volta prenotato, mai tornare a controllare i prezzi per evitare inutili mal di pancia 🙂 I giorni da monitorare si accentrano di solito a metà settimana, quando le compagnie lanciano  le loro promozioni.

Ed ora..

BUON VAGABONDAGGIO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *